El Clasico

El Clasico
Una sfida tra due delle migliori squadre del panorama mondiale, i Blaugrana e i Galacticos. Una rivalità che dura da decenni, non solo in ambito calcistico ma anche in quello politico, che vede contrapposti i centralisti di Madrid e gli indipendentisti Catalani.
Oggi domenica 28 ottobre va in scena alle 16:45 allo stadio Camp Nou di Barcellona El Clasico, partita fondamentale per ambedue le parti.
La panchina di Lopetegui è a rischio dopo le ultime uscite del suo Real, una vittoria un pareggio e quattro sconfitte nelle ultime sei per l’ex CT delle “furie rosse”, qualcosa di anomalo per una squadra che vanta campioni del calibro di Sergio Ramos, Luka Modric, Marcelo e Gareth Bale, tanto per dirne alcuni.
Dall’altra parte Valverde che con la sua sobrietà si trova a punteggio pieno in un girone di champions, tutt’altro che semplice con Inter, Tottenham e PSV,in campionato si trova secondo a una sola lunghezza di distacco dall’Atletico Madrid, che ha già disputato la sua decima giornata, battendo il Real Sociedad per due reti a zero.
Sia per il Barca che per il Real assenze importanti, tra tutte abbiamo quella di Leo Messi, la pulga vedrà la partita dalla tribuna a causa della rottura del radio del braccio destro che lo ha costretto al cambio al 26′ del primo tempo della sfida contro il Siviglia. Altra assenza per i Blaugrana, si tratta di Umtiti, il centrale francese, campione del mondo, che rischia di non tornare prima di natale a causa di un infortunio al ginocchio. Per il Real l’unica assenza certa è quella di Dani Carvajal, fermo ormai dal due ottobre per un infortunio muscolare accusato contro il CSKA Mosca, che costringerà Lopetegui a schierare Odriozola, terzino classe 95′ preso in estate dal Real Sociedad, dal primo minuto.
Le ultime cinque partite tra le due compagini sono in parità assoluta, due vittorie ciascuna e un pareggio.
Ma la vera domanda è come sarà il primo classico dopo anni senza Cristiano Ronaldo, trasferitosi alla Juventus in estate, e Leo Messi, assente per infortunio come detto prima.

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *